Italiano

Territorio

Regione: FRIULI VENEZIA GIULIA

Popolazione residente: 1.203

Provincia: UDINE

Altitudine: m 168 s.l.m.

C.A.P. :  33040

Un po’ di geografia

Il capoluogo del comune è il paese di Merso di Sopra. La località di San Leonardo viene menzionata per la prima volta in documenti redatti nel 1257; il nome del paese deriva da quello del santo patrono San Leonardo di Noblac, che viene festeggiato nel giorno di 6 novembre.

La superficie del comune è di 27 chilometri quadrati e la sua altitudine va dai 138 metri s.l.m. della pianura ai 719 metri s.l.m. della zona montagnosa. Il territorio è formato dalla parte meridionale delle valli del Cosizza e dell’Erbezzo e si estende dalla pianura sottostante la terrazza di Azzida fino al confine con i comuni di Grimacco e Stregna.

I paesi del comune sono allocati lungo le strade che costeggiano i torrenti Cosizza ed Erbezzo e sulle pendici dei monti circostanti nelle posizioni più idonee per sfruttare al massimo l’irraggiamento solare nel freddo periodo invernale.

I due torrenti che attraversano il territorio (Cosizza ed Erbezzo), si incontrano nei pressi del paese di Scrutto e, dopo pochi chilometri, le acque derivanti dalla confluenza su uniscono a quelle del torrente Alberone che, a sua volta, va ad ingrossare la portata del fiume Natisone.

I due torrenti sopra menzionati vengono alimentati, nella loro corsa, dai numerosi ruscelli che scendono dalle alture circostanti tra i quali sono da menzionare il Pod Starmelico ed il Par Senike che, unendosi, formano il torrentello Potok. Nelle vicinanze della confluenza, si trovano le due belle cascate chiamate Melinski Kot, la seconda delle quali, la più ammirata, presenta un salto di oltre 12 metri.

Sempre in zona si può visitare la grotta chiamata Star Čedad che, con il suo percorso fino ad ora esplorato di 1200 metri, è la seconda in lunghezza tra le numerose cavità presenti nelle Valli del Natisone. L’origine del toponimo della grotta (Star Čedad = Vecchia Cividale) deriva da una vecchia leggenda che racconta che la città di Cividale del Friuli era anticamente ubicata nelle prossimità della caverna, fino a quando una violenta fuoruscita d’acqua dalla risorgiva l’ha sospinta nell’attuale posizione.

Frazioni

Altana-Utana, Camugna-Kamunja, Cemur-Čemur, Cernizza-Čarnica, Cisgne-Čišnje, Clastra-Hlastra, Cosizza-Kosca, Cravero-Kravar, Crostù-Hrastovije, Dolegna-Dolenjane, Grobbia-Grobje, Iainich-Jagnjed, Iesizza-Jesičje, Iessegna-Jesenje, Merso di Sopra-Gorenja Miersa, Merso di Sotto-Dolenja Miersa, Osgnetto-Ošnije, Ovizza-Ovica, Picig-Pičič, Picon-Pikon, Podcravero-Podkravar, Postacco-Puostak, Precot-Prehod, Scrutto-Škrutove, Seuza-Seucè, Ussivizza-Ušiuca, Zabrida-Zabardo, Zamir-Zamier.